Tag Archive: cuore


Girasole


OPERA N° 147

80x120

80×120

Annunci

Il vecchio, il giovane


collezione privata

collezione privata

“Mi sento come un campo seminato

nel cuore dell’inverno, e so

che primavera sta arrivando.

I miei ruscelli prenderanno a scorrere

e la piccola vita che dorme in me

salirà in superficie

al primo richiamo.”

(Kahlil Gibran)

TANTI AUGURI DI BUON ANNO 2015!

Ciao Papà


Darmstadt-Germania-1000x600

“SUL DOLORE”

(Kahlil Gibran)

E una donna disse: Parlaci del Dolore.

E lui disse:

Il dolore è lo spezzarsi del guscio che racchiude la vostra conoscenza.

Come il nocciolo del frutto deve spezzarsi affinché il suo cuore possa esporsi al sole, così voi dovete conoscere il dolore.

E se riuscite a custodire in cuore la meraviglia per i prodigi quotidiani della vita, il dolore non vi meraviglierebbe meno della gioia;

Accogliereste le stagioni del vostro cuore come avreste sempre accolto le stagioni che passano sui campi.

E veglieresti sereni durante gli inverni del vostro dolore.

Gran parte del vostro dolore è scelto da voi.

E’ la posizione amara con la quale il medico che è in voi guarisce il vostro male.

Quindi confidate in lui e bevete il suo rimedio in serenità e in silenzio.

Poiché la sua mano, benché pesante e rude, è retta dalla tenera mano dell’Invisibile,

E la coppa che vi porge, nonostante bruci le vostre labbra, è stata fatta con la creta che il Vasaio ha bagnato di lacrime sacre.

 

dedicata al mio papà


ANNALISA

magica Luce….


…….a Venezia…….

e nel cuore!

(Luisa e Annalisa)

la morte non è niente


“La morte non è niente

Sono solamente passato dall’altra parte:

è come fossi nascosto nella stanza accanto.

Io sono sempre io e tu sei sempre tu.

Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora.

Chiamami col nome che mi hai sempre dato,

che ti è famigliare:

parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.

Non cambiare tono di voce,

Non assumere un’aria solenne e triste.

Continua a ridere di quello che ti faceva ridere,

di quelle piccole cose che tanto ci piacevano

quando eravamo insieme.

Prega, sorridi, pensami!

Il mio nome sia sempre la parola famigliare di prima:

pronuncialo senza la minima traccia di ombra o tristezza.

La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto:

è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza.

Perchè dovrei essere fuori dei tuoi pensieri e dalla tua mente,

solo perchè sono fuori dalla tua vita?

Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo.

Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore,

ne ritroverai la tenerezza purificata.

Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami:

il tuo sorriso è la mia pace.”

(Sant’Agostino)

(Grazie ENNIO!!!….Per il sorriso, la freschezza, l’amore…che al mondo hai donato…e che sempre ci parlerà di TE!)

I TUOI CARI

fedeltà


Natale